Motore magnetico: fake o realtà ?

Motore magnetico: fake o realtà ? Possibile ?

Motore magnetico: fake o realtà
Motore magnetico: fake o realtà

Centinaia di articoli sparsi per il web e centinaia di video, tutti esposti in diverse lingue, ma ancora non si è capito se qualcuno ci è riuscito o se tutte le sperimentazioni sono fasulle. Ho letto tanti articoli, ho visto tanti video e ho sperimentato di persona e posso garantire una certa conoscenza della questione. Farò chiarezza per tutti. Questa aspirata free energy sta a cuore a tutti.

Partiamo dalle leggi della fisica: quelle che tutti sappiamo.

Quello che ci hanno sempre insegnato in fisica è che tutto è governato da delle leggi alle quali non si può sfuggire. Stando a queste leggi, una in particolare è il primo principio della termodinamica o principio di conservazione dell’energia, stabilisce che nulla si crea e nulla si distruggema tutto si trasforma, ovvero che l’energia cambia di forma ma si conserva sempre. Stando a questa legge il motore magnetico non DEVE funzionare.

Cos’è il motore magnetico

Il motore magnetico è (o meglio sarebbe) un motore in grado di generare del moto, semlicemente utilizzando la forza dei magneti permanenti disposti in alcuni punti strategici del motore stesso. Nella foto sotto possiamo vedere una piccola panoramica della moltitudine di esperimenti fatti:

Motore magnetico: fake o realtà ?
Alcuni fra i tanti esperimenti sui motori magnetici

Se si riuscisse a sviluppare un motore del genere, sarebbe una scoperta rivoluzionaria, tale da cambiare il mondo. Potrebbe generare energia pulita a impatto ambientale zero. Sarebbe fantastico.

Quindi, se tanti ci hanno provato e la fisica dice che è impossibile … è fake ?

L’ esperienza pratica vissuta personalmente dice FAKE, le conoscenze di fisica dicono FAKE, il fatto che nessuno ci sia ancora riuscito dice FAKE. La coerenza dice FAKE.

Tuttavia …

Tuttavia c’è un però:
Il motore magnetico tra il FAKE e la realtà

L’esperienza pratica vissuta personalmente, potrebbe essere stata soggetta a incapacità ed a errori. Le leggi della fisica potrebbero non essere del tutto esatte. E nessuno ci è riuscito solo perchè è difficile e incoerente realizzare un motore magnetico. Difficile ma forse non impossibile.

Le leggi della fisica potrebbero non essere del tutto esatte

Questo è il punto su cui insistere per provare a realizzare un motore magnetico. Sappiamo tutti che l’energia non si crea e non si distrugge, ma si trasforma: può passare da energia chimica a cinetica, da cinetica a elettrica, da elettrica a termica, da termica a chimica, ecc, ecc fino a raggiungere un equilibrio e una quiete. Poi serve altra energia per innescare di nuovo tutto un processo di trasformazione da cui noi otteniamo l’energia che ci occorre fino all’equilibrio successivo. E’ sempre così. Non possiamo produrre energia in più, possiamo solo trasformarla e, se siamo veramente bravi, possiamo eventualmente pensare di trasformarla tutta. Ad esempio: la benzina (energia chimica), quando esplode nei pistoni di un motore, diventa energia cinetica che viene poi trasmessa alle ruote, ma nel processo di trasformazione sprechiamo tutta l’energia termica della combustione e tutti gli attriti conseguenti a alla trasmissione meccanica dell’energia cinetica. Le leggi della fisica sono esatte e lo sono anche per un motore magnetico, ma qui c’è in gioco un dettaglio che fa fantasticare le menti più geniali e bizzarre.

Il dettaglio magnetico: un flusso costante, esistente e potente

Chi pensa di poter costruire un motore magnetico si basa sul concetto di poter utilizzare il flusso magnetico di un magnete per spostare un altro magnete fissato su di un rotore, in modo da rompere un equilibrio, a questo punto i magneti dell’ ipotetico rotore cercherebbero un equilibrio facendo girare il rotore che con il suo movimento romperebbe un altro equilibrio e così via, all’infinito, generando un moto perpetuo. Essendo i mangeti potenti, si può immaginare di spostare un rotore massiccio generando una forza cinetica tale da muovere un alternatore per la produzione di energia elettrica. In pratica trasformiamo l’energia attrattiva magnetica (energia potenziale?) in energia cinetica e infine in energia elettrica sprecando un pò di energia termica negli attriti. In questo modo le leggi della fisica sembrano sistemate. Rimane solo un fattore da risolvere:

Perchè non c’è mai riuscito nessuno ?

Perchè è molto difficile (se non vogliamo dire impossibile). In tutti i progetti e esperimenti già visti e provati, la forza gravitazionale è a volte usata come alleata e a volte è di intralcio. Si raggiunge sempre l’equilibrio. Ho visto idee geniali per provare a rompere all’infinito l’equilibrio, ma prima o poi lo si raggiunge nuovamente e tutto si ferma. C’è chi sostiene che alcuni disegni sui cerchi nel grano (se non sono fake anche quelli) raffigurano proprio un progetto di motore magnetico. Questo è tutto vero: cerchio nel grano fake o no, il progetto è stato realizzato, ma funziona solo in un simulatore su di un computer, ma purtroppo quando è stato realizzato dal vero si è fermato in equilibrio. L’idea per mantenere fuori sincronismo i magneti con il rotore potrebbe anche esistere e con estrema precisione si potrebbe construire un motore magnetico a moto perpetuo. Ma…

Ma…

Qui arriva il punto dolente, forse insormontabile: qualora riuscissimo a trovare un disequilibrio per far ruotare un motore magnetico all’infinito, non servirebbe a nulla se non ha la forza per compiere una azione. Se gira e basta non serve. Se facciamo girare un alternatore a vuoto (e cioè senza nessun carico elettrico attaccato) è più morbido e fluido, ma nel momento in cui attacchiamo un carico qualsiasi occorre più forza per muoverlo. Quindi, se attaccassimo a un motore magnetico in delicato disequilibrio un alternatore con collegato un carico elettrico, che fine farebbe il motore magnetico ? Inizierebbe a rallentare fino a fermarsi.

Coclusione:

Si. Tutto fake per ora. Al momento non esiste nessun motore magnetico che possa produrre energia perpetua per il semplice fatto che per evitare l’equilibrio delle forze magnetiche in gioco dobbiamo spendere più energia di quella che stiamo producendo. Però… ragionando in astratto, a occhi chiusi, non vi sembra che sia fattibile ? Che ne dite voi?

2 risposte a “Motore magnetico: fake o realtà ?”

  1. Io avrei una idea che ora la sto sviluppando spero solo che i mio concetto funzioni.
    Quello che sto dicendo non fa parte della logica del progetto che sto costruendo insomma suppongo che basterebbe un materiale schermante sul campo magnetico che fa da valvola che non utilizzi nessuna energia
    Ma non penso neanche che sia un materiale naturale ovvero che non fa parte della terra in se in fatti si ottiene costruendolo in laboratorio oppure che si trovi nello spazio
    In fatti la forza magnetica non è infinita ma si esaurisce dopo moltissimi anni nonostante tutto il magnete lo difinirei come una potentissima batteria che rilasci una forza a lungo termine
    Sopratutto l’energia è già stata spesa, basata sul materiale del magnete ai tempi della nascita della terra
    In parole povere sostanzialmente basterebbe solo trovare quel materiale che scherma il flusso e quindi otteniamo una frequenza magnetica rotativa stabile e fissa .

    1. Dici cose sensate.
      L’idea di un materiale schermante è congruente e potrebbe rompere quell’equilibrio magnetico che crea problemi alla rotazione. E’ una strada interessante….
      Molto bello anche il concetto di batteria.
      Vedo con piacere che non sei uno che “Sparla”, ma uno che è sul pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *