Apple vs Windows vs Linux vs Android: quale scegliere ?

Apple vs Windows vs Linux vs Android: quale scegliere ?

Apple vs Windows vs Linux

Oggi, è più che mai difficile scegliere un sistema per le nostre necessità informatiche. Questo articolo è valido da adesso e anche per alcuni prossimi anni e prova a fare chiarezza. Il mercato ci offre una moltitudine di modelli, marche e prezzi da far perdere la testa anche ai più esperti.

Quindi, tra un sistema Apple, Windows, Linux o Android: quale scegliere ?

Al termine di questo articolo avrete le idee abbastanza chiare da fare la scelta giusta. Risponderò alle domande più banali e chiarirò le leggende più comuni.

Mi serve una macchina affidabile, per lavoro, che non dia problemi:

Di fronte a questa esigenza in molti direbbero: “Il MAC ! Perchè Apple è affidabile e non si bloccca mai!”…ma…indaghiamo meglio con una domanda…

Nel lavoro cosa ti serve che faccia il computer ?

“…deve gestire le mail, andare su internet, …. poi uso word e excel …”. Sappiate che qualsiasi dispositivo moderno è in grado di fare queste semplici cose molto bene, senza intoppi e spendendo anche poco. Se veramente la vostra esigenza è questa, potete scegliere a occhi chiusi quello che vi piace esteticamente di più al prezzo che preferite.

Si, ma io ci guardo anche film e faccio fotoritocco.

Benissimo. Anche qui nulla di particolare, anche se un monitor grandicello con una buona risoluzione full HD sarebbe una scelta giusta. Una macchina di questo tipo, che possa gestire e modificare immagini in alta risoluzione senza rallentamenti, ha un costo superiore a quella vista precedentemente. Siamo nella fascia media. Qualsiasi sistema tra Apple, Windows e Linux va bene. Ma sappiate che a parità di prestazioni tra Apple e i sistemi Windows o Linux, un sistema Apple costa nettamente di più.

Lo usano anche i miei figli che ci giocano:

Se il gioco di qualità è un requisito, allora è necessario spendere. La macchina che sceglierete avrà un prezzo decisamente alto. In questo caso non ci sono dubbi: il sistema Windows è quello che vi garantisce la maggior compatibilità tra i vari titoli e la scelta più ampia di giochi a disposizione. Se anche il denaro non dovesse essere per voi un problema, rimanete su Windows. Apple e Linux sono tagliati fuori da questo mercato, ora nel 2016 come prevedo per ulteriori anni nel futuro.

Però Windows si blocca sempre vero? Invece Apple no!

Sbagliato! Quasi la totalità delle persone che possiede un PC Windows, disinstalla l’antivirus di Microsoft e ne installa uno di solito gratuito (fa sorridere un pò questa mania). Poi, spesso, i possessori di Windows scaricano giochi pirati e li installano dopo averli controllati con un patetico antivirus gratuito. Spesso anche il sistema operativo è piratato !!! I possessori di Windows pretendono spesso di poter navigare in siti ambigui e indecenti, senza proteggersi come raccomanda Microsoft, mantenendo la pretesa che il computer non abbia problemi. Inoltre, in moltissimi casi, si lamentano perchè nel loro computer NON originale hanno un programma vecchissimo (forse NON originale) che gli da qualche problema. Poi, arrivano i possessori di Apple, che confrontano la loro macchina costosissima, con installato solo software originale, che non deve dare compatibilità a nulla, e che la usano solo per mandare mail e navigare su siti candidi e innocenti. A voi sembra un confronto alla pari?

Regola numero 1:

Confrontate sempre due macchine della stessa fascia di prezzo.

Regola numero 2:

Se scegliete Windows, fate come i possessori di Apple, e quindi: utilizzate l’antivirus di Microsoft, utilizzate solo software originale o open source e non abbiate la pretesa che software vecchio di oltre 10 anni non abbia nessun problema.

Regola numero 3:

Non comprate una macchina costosa per poi non farla utilizzare ai figli o non ci giocate per non avere problemi. La tecnologia invecchia rapidamente e in poco tempo rischiate di avere un dispositivo obsoleto rimasto nel cassetto.

Consiglio finale:

Io personalmente consiglio Windows, con la raccomandazione di utilizzare solo software originale o open source. Un sistema Windows, a pari prezzo di un Apple, è più performante e ha una disponibilità software infinita. Windows ha inoltre una compatibilità con gli apparati esterni ineguagliabile. Potrete divertirvi con migliaia di ottimi giochi spendendo anche poco. Internet offre a Windows una infinità di consigli, contenuti e informazioni per il suo perfetto utilizzo.

Quindi chi dovrebbe comprare il MAC di Apple ?

Chi in casa ha solo dispositivi Apple o ha imparato ad utilizzare quello e non vuole imparare un altro sistema. In genere lo compra anche chi lo vuole perchè è bello esteticamente, in questo caso diventa obsoleto senza venir quasi mai utilizzato. Di solito chi ha un MAC ha anche un computer Windows, ma non viceversa.

E Linux ?

Per Linux approfondisco in questo articolo, anticipando che è una scelta comunque per pochi appassionati.

Meglio Linux o Windows ?

MEGLIO LINUX O WINDOWS ?

meglio linux o windowsMeglio Linux o Windows ? Il grande vantaggio di Linux è che è gratis. Nessuno ne è propietario e chiunque lo può modificare per le proprie esigenze. Ne esistono di decine e decine di versioni differente ognuna indicata per un certo utilizzo del PC. Per Linux esiste come per Window ogni tipo di software per ogni esigenza. A chi è indicato Linux ? Chiunque può utilizzare Linux. Per chi fa un uso semplice del PC non ci sono problemi (es: Internet, Scrivere, Disegnare). Per chi fa un uso più avanzato del PC allora Linux diventa più complesso da usare: molte opzioni e comandi non sono intuitivi e le numerose versioni esistenti possono far confusione su quale sia la versione a noi più adeguata. I programmi Window funzionano con Linux ? Ni! Tuttavia esistono efficaci software per Linux che tentano di farli funzionare. Spesso quindi funzionano bene, a volte funzionano con prestazioni inferiori e a volte non funzionano. Un software famoso per questo scopo è Wine. Ma, allora perchè non usare Linux ? Se dovete usare Linux con Wine per usare i software Window allora direi che non ha senso, meglio Window. Ma se dovete usare Linux per fare solo cose semplici allora potete usare anche Window che le fa benissimo e senza problemi. Se però dovete fare cose avanzate allora valutiamo questo: se siete maghi di Window non ha senso imparare Linux, se sapete usare poco Window sappiate che l’uso avanzato di Linux è più difficile di quello Window.

CONCLUSIONI

Ma allora… chi usa Linux ? Linux in genere lo usano gli appassionati di Computer per poter dire che hanno usato Linux, ma poi in realtà usano sempre Window per fare tutto . Lo usa chi traffica in illegalità informatica, perchè esistono molti più software illegali ed efficaci che per Window. Viene utilizzato a livello altamente proffessionale nei super server o in automatismi industriali per le sue eccezzionali possibilità di adattamento e trasformazione. Linux è più sicuro ? Dicono di si, ma per me è praticamente uguale. E’ vero che sono di più i PC Window che subiscono attacchi, ma è anche vero che sono molto più numerosi dei PC Linux e un hacker che esercita un attacco nel mucchio beccherà quasi sempre in un PC Window. In conclusione… Suggerirei sicuramente Window per tutti coloro che sono alle prime armi e per tutti coloro che lo sanno già usar bene e con efficenza. Consiglierei Linux solo agli hacker e agli sviluppatori di automatismi e applicazioni speciali a cui viene dedicato un PC intero praticamente solo a quello scopo.

Come vincere a FIFA 15 (pc – xbox – ps3 – ps4)

Come vincere a FIFA 15

Come vincere a FIFA 15 ?: Dopo FIFA 13 e FIFA 14, anche quest’anno creo questo articolo. Sono un programmatore (anche di videogames) e riconosco spesso le tecniche usate per far “girare” bene i giochi. FIFA 15 è un gran bel pezzo di software, fa divertire, fa arrabbiare, da soddisfazione, fa gioire, fa perdere, fa vincere: grandioso ! Ma come fa? Semplice: la CPU governa tutto: controlla i vostri tiri, i passaggi, i movimenti, i compagni, gli avversari e soprattutto la palla, ma mi spiego meglio. Tutto ciò che voi fate in FIFA 15 (anche 13 e 14) è valutato dalla CPU, che modifica leggermente le azioni del vostro gamepad. La CPU corregge leggermente la traiettoria e velocità del pallone mandandola nel punto giusto al momento giusto al fine di innescare una animazione adatta alla situazione e sopratutto a farvi divertire. Ma voi volete vincere giusto ? … allora a noi … come vincere a fifa 15 Si, va bè, ma io voglio vincere !: Per vincere bisogna giocare bene, ma ciò che è stato detto in FIFA 14 quì è un pò diverso. Vediamo nel dettaglio: Cosa significa giocare bene ?: Ricordate sempre: FIFA 15 è fatto per farvi divertire, facendovi arrabbiare e poi gioire: se siete all’attacco è probabile che sbaglierete una marea di goal e al primo contropiede rischiate grosso. Se vi chiudete in difesa salverete di tutto, ma all’ultimo minuto …. Tutti i tiri in porta che fate solo perchè è la CPU ad aiutarvi non servono a niente !!! E credete a me sono quasi tutti ! Per fare goal dovete passare la palla ai giocatori che la CPU vi ha preparato, dovete crossare o passare nel momento che la CPU ha “pensato”, dovete tirare quando la CPU se lo aspetta e se fate i passaggi fatti bene (nel senso che non serve la correzione della CPU) e il tiro pure, sarà probabilmente goal. Quindi il famoso momentum c’è, esiste, ma è lì solo per il vostro divertimento. Ma ce un però … L’esperienza di gioco vi può nuocere: Sappiamo ormai tutti bene che il controllo della CPU permette anche ai novizi di fronteggiare “alla pari” un esperto. Ogni installazione di FIFA 15 crea un profilo con un punteggio di esperienza dipendente dalle varie partite che fate e più ne fate più per FIFA 15 siete esperti. Quando fronteggiate un avversario con un punteggio di esperienza inferiore, la CPU cercherà di colmare la differenza avvantaggiando quello minore e per voi possono essere guai. Non fate questo errore: Se pensate di essere bravi solo perchè avete vinto o fate tanti tiri, vi sbagliate di grosso. E’ probabile che vi ritenete bravi solo perchè la CPU vi aiuta o giocate contro persone molto esperte che vengono prontamente penalizzate. Appena anche voi sarete esperti iniziano i guai. Quindi prima o poi arriva il momento che non vincete più e allora dovrete cambiare il modo in cui giocate, cercando di meritare le azioni e non ottenere le buone giocate solo dagli aiuti della CPU. Marcate sempre gli avversari, non fateli crossare dai posti buoni, non fateli tirare dai posto buoni. Quando la CPU vi “prepara” un compagno, cogliete il suggerimento e passategli bene il pallone. Quindi come vincere a FIFA 15 ?: Per vincere dovete giocare VOI bene e non sfruttare solo gli aiuti del magnifico software di EA sports.

Algoritmo B4 verso il calcolo del futuro

 

Algoritmo B4 verso il calcolo del futuro

L’algoritmo B4 è il risultato della ricerca sperimentale descritta a questo link. In relatà l’esperimento per la ricerca di una formula generale per il calcolo del futuro è fallita (o meglio rassegnata), tuttavia non tutto è andato perduto. La formula pseudocasuale in questione è stata trovata dopo pochi mesi, è imprecisa e incompleta, ma è l’unica che ha dato risultati soddisfacenti. Da questa formula o meglio algoritmo è emerso come il calcolo del futuro sembra influenzato solo da 4 fattori: energia, massa, tempo, spazio (da quì il nome B4 ovvero Base4). Questi 4 fattori si combinano tra loro e generano eventi micro o macro che a loro volta generano altri eventi macro o micro e il ciclo si ripete all’infinito trasformando il futuro in presente e poi in passato. Conoscendo un evento possiamo quindi calcolare quello successivo in teoria all’infinito (se abbiamo abbastanza potenza di calcolo). E adesso calcoliamo: Abbiamo detto che basta sapere 4 fattori: energia, massa, tempo, spazio per calcolare il futuro, ma procurarseli può essere difficile. In nostro aiuto arriva l’algoritmo Base 4. L’algoritmo B4 trasforma parole, situazioni e considerazioni in numeri scorporandoli in quelli che sono i 4 fattori di base. Questa trasformazione è la parte incompleta e quella che genera più errori. Per far funzionare l’algoritmo B4 dobbiamo porre il nostro quesito descrivendolo con 4 parole, poi dobbiamo indicare 4 elementi che possono influenzare il risultato. Non ci capisco nulla !!! E’ normale capirci poco, è come voler capire un manuale di uncinetto a punto e croce senza provarlo in pratica. Proviamolo: Scarichiamo questa APP gratis (al momento l’APP è in attesa di aggiornamento e non è disponibile), seguiamo i passi facilitati per l’immisione dei dati e facciamo lavorare l’algoritmo Base 4. I dati vengono inviati al server che ospita la formula e il risultato arriva sul vostro dispositivo pronto da leggerlo. Facile facile. algoritmo B4 verso il calcolo del futuro Non capisco la risposta ! La risposta dell’algoritmo B4 è generata matematicamente e va interpretata, ma non temete è solo questione di esperienza e dopo alcune letture sarà più facile. L’algoritmo B4 per ora non può prevedere il futuro in maniera certa, manca ancora qualcosa … ma ci da ragionevolmente vicino. Se mettere le parole e i dati giusti e appropriati la sorprendente formula centrerà la questione con un buon 75% e genererà una sibilla che vi potrebbe stupire. La teoria frattale: Tutto il discorso sopra sposa in maniera adeguata quello della teoria frattale dell’universo, dove tutto ciò che avviene è una conseguenza di eventi tutti imbrigliati dalle medesime regole. Che tutto si evolva sempre alla stessa maniera “frattale” lo vediamo in tutte le cose: pensiamo a come gli atomi e gli elettroni assomiglino ad un sistema solare, a come i rami piccoli crescono su quelli più gradi e come le venature cescono nelle foglie, alle cellule, mollecole, l’acqua e il discorso è talmente lungo che mi fermo quì (ma voi potete leggere qui ad esempio). L’ APP e l’algoritmo Base 4 non hanno la pretesa di aver scoperto la più importante legge matematica dell’universo, ovvero la formula del futuro, ma è qualcosa che va sicuramente in quella direzione e non va sottovalutata. Ricordate: solo da una idea visionaria si possono raggiungere obietttivi folli. F.A.Q. L’algoritmo Base4 può quindi prevedere il futuro ? Bè … se i dati inseriti sono giusti e precisi e l’algoritmo completo forse si. Purtroppo senza un aiuto (e qui serve l’ APP) inserire i dati non è semplice e inoltre l’algoritmo B4 non è completo. Pertanto la previsione si ferma a una stima del 75%. Mica male però ! E se fosse tutta una cavolata ? Può essere anche una cavolata, in tal caso inutile continuare a leggere. Era una cavolata anche pensare che era la terra a girare intorno al sole e non viceversa. Ma la APP è gratis ? Si, ma per utilizzare tutti gli elementi comparativi bisogna pagare una piccola cifra. Non è detto che per le vostre richieste vi servano tutti gli elementi. Purtroppo a questo mondo c’è poca roba gratis. Non capisco le risposte ! Normale. Le risposte sono generate da un algoritmo matematico, poi vengono trasformate in parole per fare capire agli umani il significato dei numeri risultanti. Ci vuole un poco di pratica per comprendere il significato, ma in molti ci riescono (non tutti però). Quanto mi posso fidare della risposta ottenuta ? Valutate voi. L’algoritmo B4 non è il vangelo. Prendetelo come un suggerimento e non come una certezza, poichè certezza non è. Oltre al futuro posso chiedere altre cose ? Certo ! Tutto quello che vuoi ! L’importante è utilizzare le parole adeguate e i comparativi giusti. Come faccio a sapere quali sono le parole giuste e i comparativi giusti ? Giusta domanda ! Puoi fare così: chiudi gli occhi e immagina di dover capire una domanda da sole 4 parole e che 4 elementi (su una scelta di 16) influiscono la risposta. Questi sono i dati da usare con l’algoritmo Base4. Costa troppo comprare tutti i comparativi !!! Ci spiace davvero, sappiamo che diminuire il prezzo porterebbe più clienti e forse più guadagno, ma al momento pare impossibile farlo. Non ci sembra il caso di spiegare quì le motivazioni, ma non possiamo nemmeno fare uno strappo alla regola poichè non supererebbe i controlli di Google sull’acquisto. Puoi sempre accontentarti dei 12 elementi comparativi gratuiti.

Come vincere a Fifa 14

Come vincere a Fifa 14: Fifa 14 è diverso da Fifa 13, ma anche quì la CPU ci mette lo zampino nelle partite multiplayer. Ma come ?. La CPU condiziona la partita facendo piccoli interventi anche lontano dall’azione di gioco, liberando un giocatore o vincendo un contrasto o semplicemente sbagliando un passaggio. Voi dovete cogliere il momento e sfruttarlo, spieghiamo come.

Cross e passaggi:  Se durante un cross o passaggio avversario non marcate il calciatore che lo effettua sono guai: non importa se c’è un goal o una parata, la CPU se lo ricorda e pochi minuti dopo influenza una azione muovendo nel posto giusto i calciatori non controllati e probabilmente vi beccate un goal. Se siete voi a crossare o passare fatelo quando non vi marcano e aprofittatene.

Tutto facile: Vi capiterà che inizierete una partita a Fifa 14 dove tutto vi sembra facile, i vostri giocatori sono sempre al posto giusto, voi tirate e ritirate ma la palla non entra: sono guai. Se in questo caso il vostro avversario sta giocando in difesa, a circa la terza discesa in contropiede la CPU creerà le condizioni per far segnare l’avversario. Per evitare questo dovete ridurre la quantità di corsa dei vostri giocatori e sopratutto mantenere molto il controllo palla, inoltre sbilanciatevi pure in attacco, ma tirate solo a “botta sicura” per ottenere almeno una strepitosa parata. Aprofittatene.

Va tutto male: Vi capiterà che una partita di Fifa 14 inizia e tutto sembra andare storto. Subirete ogni azione e il vostro avversario tirerà in porta da tutte le parti. Il vostro portiere farà il possibile. Se non reagite sono guai: state in difesa, ma cercate di spezzare le azioni dell’avversario già a meta campo senza che riesca a tirare in porta. Se resisterete qualche minuto senza subire tiri pericolosi, la CPU vi preparerà un paio di contropiedi con un paio di relative grosse occasioni di segnare. Aprofittatene.
Come vincere a Fifa 14

Come vincere a Fifa 14


La partita è neutra: Quando la partita è piatta e ci sono pochi tiri in porta non è merito di uno o dell’altro giocatore, ma anche quì è la CPU a influenzare le cose. Il modello pensato dalla CPU per questa partita è proprio quello di far fare pochi tiri. In questo caso i giocatori non controllati dagli utenti si muoveranno a favorire il successo della difesa. Sara difficile segnare anche se tirerete bene in porta, ma la CPU vi guarda … vi osserva … aiuta uno a l’altro giocatore, ma all’inizio del secondo tempo il geniale algoritmo di Fifa 14 creerà la situazione favorevole a far segnare chi nel primo tempo a sbagliato di meno. Aprofittatene.

Dovete passare il turno: Come vincere a Fifa 14 quando la partita che dovete disputare è decisiva per vincere un campionato o per salvarvi dalla retrocessione?  Quì le cose saranno difficili. La CPU aiuterà il vostro avversario e vi concederà solo poche occasioni. Dovete sfruttare quelle, perchè solo in quelle farete goal, infatti in tutti gli altri casi in qualche modo non segnerete. Per segnare vi dovete accorgere quando la CPU vi favorisce il momento giusto: es. tipo un passaggio splendido che manco avete voluto, oppure un giocatore non controllato si libera in maniera perfetta o semplicemente l’avversario perde un contrasto inaspettamente. Approfittate di quel momento, fate i pochi passaggi necessari e tirate a rete.

Per concludere: Fondalmentalmente a Fifa 14 vince chi se lo merita, se giocate bene e perdete è perchè la CPU ha influenzato il gioco con un modello che prevedeva che voi dovevate giocare bene, ma segnare poco. Durante la partita il software che vi ha aiutato vi ha anche osservato e contato tutti gli errori e infine fa segnare chi poi lo merita realmente. La leggenda del momentum è vera solo per metà, nel senso che la CPU influenza solo per divertire e non per avantaggiare impropriamente qualcuno.

Ricordate: Fifa 14 è un gran bel gioco, ma dovete capire che non sono i calciatori a regire dinamicamente al pallone, ma è il pallone che arriva nel posto giusto al momento giusto per innescare l’animazione giusta. Nonostante le animazioni siano tante, sono comunque predefinite, quindi la CPU sposterà palla e calciatori per quel poco che basta per far eseguire le varie animazioni di contrasto, colpo di testa, tiro al volo, ecc. Questo meccanismo da vita ad un gioco fantastico, ma comunque tenuto sempre in pugno dal geniale software di EA.

Linguaggio del corpo su Android

 

Linguaggio del corpo su Android:

Linguaggio del corpo su Android: Da Marzo 2013 questo sito ospita PSInto. PSInto è una Web APP e una APP per Android che permette l’accesso appunto al database di PSInto. Cosa è PSInto lo spieghiamo bene in questo articolo, ma anche in questo. Se non avete voglia di leggere gli articoli che vi ho indicato, potete comunque leggere la descrizione ufficiale della Applicazione Android PSInto qui sotto. Vi consiglio di perdere 1 minuto e leggere le poche righe qui sotto: La APP: L’applicazione PSInto per Android è disponibile qui su google play store (ora temporaneamente rimossa).  Acconsente la comoda consultazione del database di PSInto al solo prezzo di acquisto della APP stessa, l’iscrizione al database è automatica e non necessita di costi aggiuntivi.
Android e il linguaggio dei gesti

Android e il linguaggio dei gesti

PSInto acconsente, previa osservazione dei comportamenti di una persona, di ottenere il suo stato mentale. Il database di PSInto traduce la nostra descrizione del linguaggio del corpo della persona osservata e lo interpreta per noi. Questa consultazione ci da la possibilità di capire gli stati d’animo, le intenzioni, le paure e sentimenti di una persona osservata. PSInto da anche un servizio inverso, ovvero, previa descrizione di un contesto, ci consiglia il comportamento migliore per ottenere l’obiettivo desiderato, quindi ci consiglia come comportarci per essere ascoltati o per ottenere più fiducia da qualcuno o trasmettere meglio le nostre idee. Altro servizio di questa APP è un nuovo algoritmo proprietario che intreccia 4 o meno parole fornite per ottenere una sibilla da cui interpretare un consiglio. Tutte le risposte di questa APP vanno valutate con il giusto buon senso umano, considerando sempre che la valutazione finale spetta sempre all’utente che è l’unico responsabile delle proprie azioni. Per consultare il database di PSInto viene utilizzata la connessione internet del dispositivo su cui risiede la APP stessa e i costi di connessione sono a carico dell’utente. L’accesso al database è compreso nel prezzo della APP, ma limita a 4 consulti ogni 20 minuti circa per non fare intasamento al server e mantenere il servizio fluido. Senza questa APP l’iscrizione al database di PSInto costerebbe di più. Il funzionamento di PSInto è basato sul linguaggio del corpo umano, pratica ben riconosciuta, documentata e attendibile. Discorso diverso per il servizio “sibilla” descritto sopra che utilizza un algoritmo ormai già sperimentato e che sembra dare risposte o suggerimenti “interessanti”. Ricordiamo che l’unico responsabile dei danni derivati dall’utilizzo e dalle informazioni ottenute da questa APP è l’utente stesso.
Linguaggio del corpo su Android App

Linguaggio del corpo su Android App

Android e il linguaggio dei gesti
Usa la psicologia con una app Android

Usa la psicologia con una app Android

Interpretare il linguaggio del corpo

interpretare il linguaggio del corpoINTERPRETARE IL LINGUAGGIO DEL CORPO


Ho consultato decine di articoli, riviste e qualche libro. Interpretare il linguaggio del corpo è affascianante, da la senzazione di essere potenti. Quello che si impara è tutto vero, funziona. Il linguaggio del corpo non sbaglia, specialmente se involontario e privo da forzature.

Ma cos’è il linguaggio del corpo ? Il linguaggio del corpo è una forma di comunicazione involontaria, che il nostro corpo effettua per comunicare agli altri le nostre intenzioni, i nostri sentimenti, le nostre ansie e stati d’animo. E’ un linguaggio che non lascia tanti spazi all’interpretazione, nel senso che è ben preciso. I gesti prodotti sono chiari e indissolubili e se qualcuno ne conosce i segreti e ne percepisce tutte le sfumature, può veramente utilizzare questa comunicazione per confrontarsi al meglio nella società.

Ma a cosa mi serve saperlo interpretare ? Serve a capire gli altri e sopratutto a farsi capire. Qualcuno lo usa anche per influenzare i pareri altrui (es: uomini politici, scaltri venditori, latin lover, …). Ognuno lo usa come vuole, facendo attenzione a non cadere in pratiche losche di plagio. Una cosa è sicura: se conoscete il linguaggio del corpo vi potete accorgere se qualcuno lo usa contro di voi, altrimenti potreste subirlo. Una stuzzicante ipotesi di utilizzo dell’interpretazione è sicuramente quello di capire alcuni pensieri e stati d’animo di una persona. Qualcuno diceva: “sapere è potere” e sapere interpretare il linguaggio del corpo può effettivamente dare un qualche vantaggio.

Ma come ricordarsi tutti i significati dei gesti ? Bè … c’è ben poco da fare: bisogna studiare. Ci sono parecchi libri e siti. I libri sono buona cosa, si pagano, si leggono e danno buone e precise informazioni da studiare per poterle ricordare al momento del bisogno. I siti Internet sono tantissimi, ma quì le informazioni sono spesso caotiche, molto spesso copia e incolla da un sito ad un’altro, le pagine sono assediate da pubblicità e da cavolate varie che distolgono l’attenzione e non permettono all’utente di studiare, ma…

Per i più pigri: Per chi di studiare sui libri non ha tempo e voglia, c’è la possibilità di utilizzare il database online di PSInto, o una APP per Android  dove inserendo una sorta di descrizione dei movimenti di una persona ne restituisce l’interpretazione. Il database online si trova qui (ex www.psinto.net) e ne parlo meglio in questo articolo e anche un pò in questo.

Come leggere il pensiero

Come leggere il pensiero ? (articolo redatto prima che PSInto entrasse a far parte di questo sito stesso)

come leggere il pensiero Da anni scienziati, studiosi, maghi, psicologi tentano invano di capire come leggere il pensiero. Vengono scritti e venduti libri che io ho comprato, letto e spesso non capito o peggio inutili. Ho cercato sul web, ma trovo sempre dei copia incolla, sempre le stesse facce, gli stessi libri, edizione 2011, edizione 2012 con nuove immagini ecc, ecc. Anche io nel tentativo di informarmi sulle possibilità di come si possa leggere il pensiero ho speso soldi inutilmente, ma poi ormai rassegnato ho visto PSInto che da Marzo 2013 fa parte di questo sito. Ho visitato questo sito PSInto (ex www.psinto.net che da Marzo 2013 è stato acquisito direttamente su questo sito), ho pagato per poter consultare il database nello stesso modo e spirito di rassegnazione di come compro un libro di questo genere e sono rimasto sorpreso. PSInto non legge il pensiero, ma piuttosto legge il linguaggio del corpo, ma tuttavia spesso sorprende nelle risposte e ora grazie a questo sito PSInto gode di una APP a questo link (per ora il progetto è sospeso, in attesa di ampliamento). Giudizio: Devo dire che non è male (spiego meglio in questo post), non è una bufala, quello che viene proposto come servizio nel sito, è quello che poi viene dato. Voi fornite una descrizione della postura e altre cosucce della persona che osservate e il sito torna il suo “stato d’animo”. Non è che il sito legge veramente il pensiero, ma fornisce indicazioni circa le intenzioni attuali della persona e o come sta: se è a disagio, se pensa a qualcuno, se è interessata a noi, se è infastidita ecc. ecc. Consiglio ?  Provatelo ! Potrebbe essere quello che cercate. Per chi non vuole provare PSInto: Se volete diventare abili nel tentare di leggere il pensiero senza pagare psinto, le possibilità sono:
  1. Libri di psicologia
  2. Corsi di linguaggio del corpo
  3. Gira e rigira su Iternet alla ricerca di qualcosa nel caos
Con un paio di libri di qualità si può imparare qualche tecnica, ma ricordarsi poi tutto non è così facile… I corsi di linguaggio del corpo alla fin fine divertono sicuramente, ma io non li ho mai fatti quindi non li posso giudicare… Gironzolare su Internet porta solo alla confusione e non serve a niente (opinione personale).

Domotica fai da te con Gamemaker

Domotica fai da te con Gamemaker, possibile ?: SI ! Possiamo creare un impianto di domotica fai da te in maniera abbastanza semplice e lo abbiamo fatto proprio noi. Questo il materiale occorrente:

  • Un PC
  • Un software
  • Un sistema di I/O
  • Conoscenza informatica
  • Certificazione di impiantistica civile
domotica fai da teObiettivo: Questo articolo non ha come obiettivo di fornire istruzioni sui cablaggi elettrici, si presuppone che chi si accinge a creare un impianto fai da te di domotica, abbia conoscenze elettriche appropriate.
L’impianto di domotica fai da te utilizzerà un normale PC, nel nostro caso un notebook. Il software è stato scritto con il Gamemaker ed è spettacolare ! (per chi non sa cosa è gamemaker si informi su google che fa prima).
Il computer utilizza la porta parallela, ma in altri casi si può usare la seriale, per comunicare con il sistema di I/O.

Input e Output: Il sistema di I/O può essere un PLC (comodo ma un poco costosino) oppure un sistema più economico fai da te, ma vi dico subito che oramai il costo di un PLC è diventato molto basso ed è comodo veloce ed affidabile. Come spiegato in questo articolo io redattore di questo articolo ho utilizzato delle scheda fai da te per il sistema di I/O, ma ora consiglierei un PLC (gli LG sono economici). Un PLC lo potete facilmente programmare per fargli fare i compiti più elementari, poi utilizzate il PC per l’intelligenza artificiale, la sintesi vocale, le videocamere, l’interfaccia web, ecc..

Gamemaker: Il software (fai da te) scritto con il gamemaker esegue un lavoro straordinario, interagisce vocalmente, accede alle webcam, si connette al web e agli smartphone utilizzando opportune estensioni e/o software ausiliari.

Il software: Mettiamo a disposizione il sorgente in GMK, Gamemaker 8.1, per chi ne avesse necessità di consultarlo o utilizzarlo. Tuttavia essendo il risultato di un lavoro di diversi anni riteniamo onesto chiedere un compenso in denaro. Per chi interessa quì ci sono le modalità di contatto.



domotica.JPG
domotica_fai_da_te.JPG
editor.JPG
domotica.JPG
domotica_fai_da_te.JPG
editor.JPG
domotica.JPG
domotica_fai_da_te.JPG
editor.JPG
domotica.JPG
domotica_fai_da_te.JPG
editor.JPG







Come vincere a Fifa 13

Come vincere a Fifa 13 ed evitare il momentum: Da indagini e prove sembrano risultare queste considerazion, ovvero: un vero e proprio momentum non esiste. Esistono però alcuni algoritmi e script per penalizzare una squadra secondo 4 motivazioni. Quindi se si accumulano più di una motivazione o addirittura tutte, vincere sarà molto difficile.

Motivazione 1:  Se nelle ultime 3 partite hai perso almeno 2 volte subisci 1 penalizzazione, probabilmente la motivazione è per il morale basso dei giocatori.

Motivazione 2: Se giochi spesso con una squadra votata all’attacco e segni poco o con troppa difficoltà, viceversa se giochi spesso sulla difensiva, ma perdi più partite di quelle che vinci utilizzando tale tattica, subisci una penalizzazione.

Motivazione 3: Giochi una partita di traguardo: passaggio di categoria, vinci il campionato, ti salvi, ecc. Questa penalizzazione ha come unico scopo di creare adrenalina e dura solo per quella partita.

Motivazione 4: Questa motivazione non è certa, ma sembra proprio che sia casuale. Cioè ad ogni partita può venire data una penalizzazione ad una delle dua squadre o a nessuna. Il significato è attribuire una sorta di giornata nera. Anche questa penalizzazione dura solo per quella partita e pare possa essere modificata durante l’incontro, a tale proposito sembra utile cambiare modulo nel momento giusto.

Conclusioni: Le penalizzazione possono venire sommate e se capita di giocare 4 penalizzazioni a zero, le cose si fanno proprio difficili. Quando una o più penalizzazioni incombono sulla nostra squadra i giocatori si posizioneranno male in campo, i contrasti diventeranno difficili, e la sfortuna piomberà su tutti i nostri tiri in porta e rimpalli.

Per vincere: Se giocate con tattica difensiva preoccupatevi solo di non prendere goal, non attaccate. Quando scegliete la tattica di attacco e non segnate nel giro di 1/3 di tempo tornate in difesa e aspettate un certo periodo prima di tornare con tattica d’attacco. Se avete il momentum contro cambiate modulo appena subito il primo goal e siete sotto.

Ah dimenticavo: Non siamo certi, ma sembra che abbandonare in anticipo le partite influenzi l’arrivo della penalizzazione per la motivazione 4 di cui sopra … CIAO !